La crisi c’è, e non si può nascondere. Specialmente se sei giovane e in attesa che il futuro ti spalanchi le porte. Ma c’è chi non aspetta che l’avvenire bussi da solo per crearsi una chance, e trova il modo di aprire quei varchi che, di questi tempi grami, sembrano sempre più chiusi. È il caso della rock band ragusana Partinico Rose, che ha lanciato una campagna di crowdfunding per coronare il sogno di registrare il primo album: “Songs for sad and angry people”. Sfruttando il grande potenziale dei social network, la formazione ha chiamato a raccolta gli internauti per sostenere un sogno, quello di incidere voci e musica da tramandare ai posteri ma da fare, intanto risuonare nelle auto, case e smartphone dei fan del gruppo, attivo da tre anni.

I Partinico Rose – dopo un breve periodo di “pausa” – si sono ritrovatilo scorso anno. Vincenzo Cannizzo (chitarra e voce), Massimo Russo (basso), Carlo Schembari (batteria e synt) vogliono crederci. Provarci da soli non è facile. Il sistema più rapido ed efficace al quale hanno pensato quelli del trio è stato quello che ormai permette di raggiungere il massimo numero di benefattori e nel minor tempo possibile, per l’appunto il crowdfunding di denaro che può arrivare da offerte fatte da utenti che navigano su internet.

Il loro è un rock che ricorda la New Wave anni ’80 che viene coniugata all’alternative rock anni ’90. Si rifanno a cantautori e gruppi rock come Nick Drake, The Sound, Dinosaur Jr, Killing Joke. I loro testi raccontano di come la crisi economica abbia intaccato tanti aspetti della nostra vita: le relazioni sociali, quelle amorose, il nostro futuro e le nostre carriere. I Partinico Rose si rivolgono direttamente al loro pubblico tramite la pagina Facebook che parla di ciò che fanno: “Ci rivolgiamo tramite i social ai fan e sostenitori – scrivono i rockers – sulla nostra pagina teniamo viva l’iniziativa. La nostra città, Ragusa, non offre nessuna possibilità di prospettive e futuro per i giovani, figuriamoci per i musicisti, almeno, noi la pensiamo così. Per questa ragione ci siamo sbracciati, perché vogliamo veramente lasciare il segno e mettere su di un supporto fonografico le nostre creazioni musicali, per colpire più cuori possibili. Per far questo abbiamo bisogno del vostro  aiuto e contributo: su Musicraiser, potrete trovare la nostra pagina e lasciare un’offerta che ci permetterà di poter registrare il nostro primo album Songs for sad and angry people. Prendetelo come un atto di simpatia a favore di 3 musicisti divertenti, introspettivi, grotteschi, buoni di cuore”. Su Facebook ci sono i link e i contatti utili per poter dare una spinta al gruppo che ha tutte le intenzioni di attingere a piene mani al potere del tam tam virtuale, con la consapevolezza che Ragusa non si tira indietro quando c’è da abbracciare il vero talento.

(Fonte: La Sicilia)

Alessia Cataudella

Alessia Cataudella

Direttore responsabile di 97100 Magazine

Visualizza tutti gli articoli

Articoli