Metabolismo, termine sempre più spesso a noi familiare e talvolta usato impropriamente per descrivere qualunque cambiamento visibile del nostro corpo. Metabolismo veloce, metabolismo lento, metabolismo bloccato, ma cos’è veramente il metabolismo del corpo umanoIn questo articolo cercheremo di spiegare in maniera semplice in cosa consiste il metabolismo e come possiamo fare per tenerlo alto! Il metabolismo è l’insieme di trasformazioni chimiche ed energetiche che si verificano nell’organismo vivente per garantirne la sopravvivenza, l’accrescimento, il rinnovamento, il mantenimento. Le reazioni chimiche che avvengono sono essenzialmente di due tipi: cataboliche ed anaboliche. Le prime consistono nella demolizione delle sostanze che assimiliamo o nella degradazione delle riserve energetiche di deposito (pensiamo al tessuto adiposo ad esempio) per produrre energia. Le seconde invece sono deputate alla sintesi di nuove sostanze e stoccaggio delle stesse nei depositi del nostro organismo, con richiesta di energia. Il tutto è controllato da una serie di ormoni, prodotti da ghiandole endocrine, che garantiscono l’equilibrio dinamico delle reazioni del nostro organismo, la cosiddetta omeostasi.

Vediamo adesso cosa si intende per metabolismo bloccato e come dargli veramente la spinta giusta!

Troppo spesso diamo la colpa dell’incapacità del nostro corpo a dimagrire (il famoso “metabolismo bloccato”) ad una disregolazione degli ormoni. Talvolta può effettivamente esserci una problematica del genere ma nella stragrande maggioranza dei casi non è così! Posto che per dimagrire è ormai assodato che bisogna introdurre un numero di calorie inferiore alla spesa energetica del nostro organismo, andiamo a spiegare in cosa consiste proprio quest’ultima.

La spesa energetica che il nostro organismo deve affrontare ogni giorno è composta da 3 fattori:

– Metabolismo basale: corrisponde al 60% della spesa energetica totale; riguarda le reazioni energetiche sfruttate dal nostro organismo per sopravvivere (respirare, far battere il cuore etc.);

– Attività fisica: corrisponde al 25% della spesa energetica totale; fare esercizio fisico, fare un lavoro dinamico, brucia calorie;

– Termogenesi indotta dagli alimenti: corrisponde al 15% della spesa energetica totale e si riferisce all’energia consumata dal nostro organismo per metabolizzare le diverse tipologie di alimenti ingeriti; pensate che per metabolizzare 100 kcal di proteine ingerite ne servono 25 kcal, molte di più rispetto a quante ne occorrono per metabolizzare glucidi e grassi!

Appare chiaro dunque che è il metabolismo basale a fare la parte del leone ai fini del dispendio energetico! Esso dipende dalla quantità di massa muscolare che abbiamo, in termini semplici più ne abbiamo più consumiamo a riposo. Questo non deve spaventarvi o pensare che dobbiate diventare dei bodybuilder! Tuttavia risulta fondamentale durante la settimana alternare all’esercizio aerobico degli esercizi che mirino al mantenimento della massa muscolare e alla sua tonificazione. La vera chiava per “sbloccare” il metabolismo o per alzarlo è quindi questa! Altra nota da non trascurare è il fattore alimentare: le proteine inserite ad ogni pasto forniscono i mattoni per la costruzione del muscolo e modulano il senso di fame tra un pasto e l’altro.

Roberta Latifi

Roberta Latifi

Farmacista e a breve nutrizionista, penna di salute e benessere per 97100. La dott.ssa Roberta si dedica al suo lavoro promuovendo modelli di prevenzione della salute umana sulla base delle più aggiornate scoperte scientifiche, somministrandole in una rubrica ricca di spunti e curiosità.

Visualizza tutti gli articoli

Articoli