Tutti conosciamo “Le mille e una notte”, raccolta di novelle orientali scritta da differenti autori, intorno al X secolo. La storia s’incentra sul re persiano Shahriyār, che dopo essere stato tradito da una delle sue mogli, uccide le sue spose al termine della prima notte di nozze. Un giorno Shahrazād, figlia maggiore del gran visir, decide di offrirsi volontariamente come sposa al sovrano, avendo un piano per placare l’ira dell’uomo contro il genere femminile. Così la bella e intelligente ragazza, per far cessare l’eccidio e non essere lei stessa uccisa, con l’aiuto della sorella mette in atto il piano: ogni sera racconta al re una novella, rimandando il finale al giorno dopo. Va avanti così per “mille e una notte”; e alla fine il re, innamoratosi, le rende salva la vita.

Nel 1992 la Disney ci propose il grande classico Aladdin che incantò grandi e piccini ed a distanza di ben 27 anni lo ripropone al cinema sotto forma di live action, uscito il 22 maggio nelle sale italiane; ma le sorprese non finiscono qua, ce n’è una tutta ragusana! Cari amici di 97100, sabato 25 maggio alle 21:00 e domenica 26 maggio alle 20:00 presso il teatro Don Bosco Ragusa, gli allievi del Lab-Oratorio Teatrale porteranno in scena il racconto più famoso de “Le mille e una notte”, “La lampada di Aladino.” Ecco a voi un pò di storia del magico mondo di questo personaggio leggendario: Aladino ragazzo fannullone e squattrinato, ma estremamente scaltro e intraprendente, si ritrova suo malgrado a conoscere e innamorarsi dell’altrettanto ribelle e intelligente principessa Jasmine. Lui però non è un principe e le regole del rigido padre Sultano parlano chiaro. E, come se non bastasse, il gran Visir “Jafar”, diabolico e opportunista, ci metterà del suo per impedire il coronamento del sogno. Solo il folle Genio della Lampada, ritrovata da Aladino, potrà risolvere la questione, esaudendo i suoi 3 desideri…

Tra mille peripezie, momenti esilaranti, situazioni romantiche, riuscirà nell’intento? Il Genio potrà dargli un aspetto, ma Aladino deve dimostrare di essere un principe nel cuore. Jasmine lotterà fino alla fine per essere più forte di regole antiche e troppo rigide, poco rispettose dell’essere umano. L’eterna lotta tra bene e male, e la dimostrazione che il troppo potere, il delirio di onnipotenza portano soltanto alla distruzione. Come potete capire da queste righe si evince che è una storia ricca di colpi di scena in cui si alternano momenti divertenti e romantici nonchè momenti danzati. Non possiamo non fare un grosso in bocca al lupo a tutto cast partendo dal regista Salvo Paternò, gli attori: Giorgio Baglieri, Luca Burgio, Chiara Cascone, Sara Cassarino, Roberta Di Modica, Eliana Distefano, Elena Occhipinti, Emanuele Occhipinti, Ilenia Scribano. Le coreografie sono curate da Eliana Distefano. Le scenografie da Meno Maceo. Trucco e Make-up sono di Roberta Di Giorgio – Make Up Artist, i costumi di Rosaria Blandino. Luci e fonica: Baglieri service Audio & Lights. Cari spettatori ed amanti del teatro, non perdetevi questo fantastico appuntamento, con una delle storie più magiche e romantiche che siano mai state scritte! Magari quando il genio entra in scena provate anche voi ad esprimere un desiderio, chi lo sa magari potrà avverarsi!

Alessandro Rimaudo

Alessandro Rimaudo

33 anni, fin da bambino mi sono appassionato a cartoni, anime, giochi, videogiochi, film e serie TV e da allora questa passione non mi ha più abbandonato. Grazie alla gente che ho incontrato lungo il mio percorso e confrontandomi con loro, ho capito che questa cultura può essere alla portata di tutti e che la fantasia e la creatività possono davvero fare la differenza in ognuno di noi.

Visualizza tutti gli articoli

Articoli