Ragusa, per sei giorni, dal 26 novembre al primo dicembre, è stata elevata a capitale dell’ornitologia in Sicilia con un appuntamento che fa ormai parte del novero delle manifestazioni più tradizionali e attese. La Mostra Ornitologica Nazionale, giunta alla 62esima edizione, si tiene a Poggio del Sole Resort sulla strada provinciale per Marina di Ragusa.  Organizzata come sempre dall’Associazione ornitologica ragusana, di cui è presidente Nunzio Brugaletta, con il sostegno del  Comune di Ragusa e di sponsor privati, la mostra serve a mettere in luce la grande passione di numerosi allevatori dell’area iblea che, negli anni, hanno vinto ed ottenuto interessanti piazzamenti in mostre nazionale e internazionali, in campionati italiani e mondiali.  Tanti gli allevatori iblei Aor che hanno ottenuto riconoscimenti importanti nel corso degli anni. I successi ottenuti costituiscono la migliore testimonianza degli ottimi livelli raggiunti dagli allevatori ragusani i quali, con grande impegno, sono riusciti a farsi conoscere a livello nazionale e a dare vita a preziose collaborazioni e scambi con gli allevatori delle altre associazioni ornitologiche della Penisola. La 62esima edizione sarà aperta al pubblico, con ingresso libero, nelle giornate di sabato 30 (con orario dalle 14,30 alle 20,30) e domenica 1 dicembre(con orario dalle 8 alle 17). Sabato in programma le visite scolastiche dalle 8,30 alle 12. A seguire le premiazioni delle varie categorie.
L’Associazione Ornitologica Ragusana, è nata  all’inizio degli anni ’60, grazie ai padri fondatori appassionati alla base di canaricoltura raggrupparono diversi appassionati allevatori di uccelli di una parte della Sicilia Orientale.  Il boom  negli anni ’70 quando l’AOR ha dato casa a tanti ornitofili del territorio della Valle di Noto, la maggior parte dei quali Ragusani ma provenienti anche dalle restanti vicinanze come: Caltanissetta, Siracusa e perfino in Catania.

Articoli