E’ un Marina di Ragusa incerottato quello che domenica ospita il Roccella nel torneo di calcio di serie D. Il tecnico Salvatore Utro dovrà fare a meno degli squalificati Mistretta, Mauro e Giuliano. Assente anche il portiere Di Carlo che ha preferito altri lidi. Ma il Marina di Ragusa non si fascia la testa e punta alla vittoria dopo una settimana ricca di lavoro sul campo. Sarà una gara tutta da vivere perché sia i rossoblu che i calabresi hanno come obiettivo la salvezza diretta, senza passare dai play out. Su questa direzione il tecnico, Salvatore Utro, ha valutato con attenzione la condizioni di ogni singolo calciatore per avere la sua migliore formazione da contrapporre al Roccella. In merito a questa importante sfida, le parole del Direttore Generale Nunzio Calogero:
“Domenica – dichiara Calogero – affronteremo una squadra assetata di punti per la salvezza, tanto quanto noi e dunque sarà una partita molto importante per entrambi, ma non determinante. Intanto perché affronteremo il Roccella, nostra diretta concorrente per una posto in zona salvezza, poi, i calabresi conoscono molto bene la categoria e contrariamente a quanto esprime la classifica, il Roccella è una squadra molto competitiva, fisicamente e tecnicamente, spesso sottovalutata. Dal canto nostro sappiamo quali sono le potenzialità del Marina di Ragusa e quali sono i punti di forza su cui puntare per ripartire; durante questa settimana, i ragazzi hanno tutti mostrato una voglia pazzesca di riscattare la prova incolore e poco determinata di Domenica scorsa a Cittanova. Abbiamo un gruppo coeso e con l’apertura dei trasferimenti a breve termine, penso sia normale si parli di cambio casacche o altro. Dal nostro canto, assecondando la volontà di qualche calciatore, con le nostre opportune valutazioni e con le nostre possibilità, cercheremo di rendere più competitiva e migliorare, soprattutto sul piano caratteriale ed umano, la nostra rosa. Una delle caratteristiche che ci contraddistingue, è che le nostre iniziali scelte si basano in primis sugli uomini, poi sui calciatori. Per questo motivo, chi ha indossato o indossa la maglia rossoblu deve esserne fiero e orgoglioso, per la fiducia che noi tutti abbiamo riposto in loro. Come dirigenza siamo stati sempre presenti, pronti al dialogo e rispettosi con tutti i nostri atleti, mettendoci anche nella posizione di chi è in difetto, ma una cosa è certa: non abbiamo mai fatto mancare nulla ai nostri tesserati, mantenendo le nostre prerogative e i nostri impegni su vari fronti, mettendoci sempre la faccia e tutte le responsabilità del caso. Dunque, ripeto, questo gruppo, tanto capace quanto giovane, cercheremo sicuramente di migliorarlo, sia tecnicamente che sul piano umano e di carattere. Ci stiamo già muovendo di concerto con il Direttore Sportivo, Cesare Sorbo, affinchè si possa impinguare la rosa a disposizione del nostro allenatore che, come ribadito più volte e senza ombra di dubbio, gode della nostra massima fiducia.”

Articoli