E’ un momento difficile per l’Asd Ragusa Calcio 1949 dopo le tre sconfitte di fila. La società comunica che fino a sabato ci sarà il silenzio stampa. Il ds Emanuele Merola si è dimesso. La squadra azzurra, che per buona parte del girone di andata è stata in testa alla classifica, non riesce più a ritrovarsi. Domenica, tra le mura amiche, contro l’attuale capolista Paternò, è arrivato il terzo ko. Hanno fatto il loro esordio gli ultimi arrivati, Lo Giudice e Lentini, che però non sono stati messi nella condizione di ben operare. Ma, al di là di ciò, la partita di ieri, da parte dei padroni di casa, è sembrata abbastanza scialba. Non si è visto il mordente che aveva caratterizzato il gioco azzurro in altre occasioni, anche quando si era andati incontro alla sconfitta con il Sant’Agata. Evidentemente c’è qualcosa da registrare. E il prima possibile. Per evitare di incorrere nella disputa di un girone di ritorno, quando ancora mancano due gare alla conclusione di quello di andata, destinato a non regalare soddisfazioni alla tifoseria ragusana che ieri è rimasta perplessa sulla performance degli undici in campo, manifestando il proprio dissenso a fine gara. “Il campo ha detto 3-1 a nostro sfavore – ha commentato alla fine del match il direttore generale Antonino Monterosso – e non possiamo fare altro che prenderne atto. Facciamo i complimenti al Paternò che è venuto a Ragusa dimostrando di meritare il primo posto in classifica. Hanno vinto e, perciò, onore ai vincitori. E’ inutile che ci fasciamo la testa. Adesso riprendiamo e cerchiamo di mettere sulla strada giusta quel che resta di questo campionato”. E le prossime settimane che cosa riservano alla società azzurra? “Stiamo cercando di fare mercato – continua Monterosso – c’è ancora qualcosa da aggiustare. Vedremo che cosa accadrà. Nel corso di queste ore stiamo facendo il punto della situazione con il presidente e con il direttore sportivo e cercheremo di capire cosa sarà meglio fare per il futuro di questa squadra e di questa società”

Articoli