La mattina del 6 gennaio i volontari dei gruppi di Catania, Siracusa,Ragusa e Pompei del Corpo Italiano dell’Ordine di Malta, insieme alla delegazione di Catania del Sovrano Militare Ordine di Malta e all’associazione nazionale vigili del fuoco in congedo “Cinofili Archimede” di Siracusa, guidati dal primario del reparto, il dott. Raffaele Falsaperla, hanno fatto visita ai piccoli degenti dei reparti di pediatria e di pronto soccorso pediatrico del nuovo ospedale San Marco di Catania. Ad accompagnarli due ospiti d’eccezione: Babbo Natale e la simpatica Befana, che si sono voluti liberare dai propri impegni del periodo per non mancare a far visita ai bambini presenti in reparto e a riempirli di doni e di sorrisi, insieme agli altri volontari.

I piccoli ospiti hanno anche potuto giocare con i cani dell’unità cinofila Archimede di Siracusa. Quello vissuto è stato un momento molto emozionante, anche a causa della particolarità dei ricoveri. Infatti, l’ospedale San Marco, centro di eccellenza in Sicilia inaugurato lo scorso aprile, è specializzato nella cura delle emergenze e delle gravi patologie neurologiche, grazie anche all’utilizzo di apparecchiature d’avanguardia, come la video EEG, che consente di registrare un video per analizzare il comportamento clinico del paziente e allo stesso tempo eseguire un encefalogramma per studiare l’attività cerebrale. Gran parte dei pazienti pediatrici arriva dalle altre provincie siciliane e anche dalla Calabria. Sono proprio le festività il momento più duro per chi sta male e i volontari del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta, facendo proprio il carisma quasi millenario dell’Ordine di Malta “Tuitio fidei, obsequim pauperum”, che si rende concreto proprio con progetti medici, sociali e umanitari in ben 120 Paesi nel mondo, hanno voluto portare un sorriso e un po’ di svago ai piccoli degenti e ai loro familiari. Un doveroso ringraziamento, per aver condiviso e permesso l’iniziativa, va fatto, oltre che al dott. Raffaele Falsaperla, primario di pediatria, e a tutto il reparto, al dott. Giampiero Bonaccorsi, direttore del policlinico di Catania.

Articoli