Seconda giornata di ritorno del campionato di basket di serie C Silver e la TCar Virtus Ragusa ospita tra le mura amiche del Pala Padua lOrsa Barcellona dicoach Beto Manzo. Dopo la parentesi negativa della scorsa settimana nel campo dellAlfa Catania i ragusani cercano il riscatto.

Primo punto per Barcellona per mano di Bernarth a cui rispondono prontamente con due triple Bakula e Andrea SorrentinoI ragusani partono subito con il piede sullacceleratore e macinano punti su punti blindando la propria area con una difesa compatta e impenetrabile. Canzonieri da fuori area così come Bakula risultano letali e quando mancano 2 minuti alla fine della prima frazione di gioco il tabellone segna 24 a 6 per i padroni di casa. Gli ospiti provano a risalire la china e conquistano qualche punto in più prima del fischio della sirena. Di Dio apre il secondo quarto con unazione solitaria che danno i primi due punti ai padroni casa. Il playmaker ibleo giostra bene la palla servendo i compagni in azioni che bucano la difesa avversariaMi barcellonesi non stanno a guardare e con uno scatto dorgoglio si rendono più incisivi dallarco. Mla ripresa degli ospiti non dura tanto perché i padroni di casa si tengono avanti grazie alle ottime intuizioni di Canzonieri e Bakula. I ragusani mantengono un discreto margine di sicurezza e vanno negli spogliatoi con il risultato di 46 a 30.

Aritorno dal riposo lungo il registro non cambia. Ragusa si mantiene sempre avanti e gli ospiti faticano per stare alle spalle dei padroni di casa. Bakula riesce a scardinare le maglie della difesa ospite finalizzando senza problemi. Bernarth tiene  le redini della propria squadra cercando di non far dilagare i virtussini. contatti tra i giocatori si inaspriscono e i falli si fanno più numerosi in entrambe gli schieramentiMnonostante questo il break tra le due compagini di gioco si fa più importante. Bakula sfonda la soglia dei 30 punti e detta il ritmo di gioco. Ldifesa locale non cede a nessun tentativo di assalto avversario risultando coriacea e compatta. Lultimo periodo si gioca sempre a ritmi sostenuti. ragusani adesso accelerano il passo e il Barcellona arranca alle spalle. Ibreak si fa sempre più pesante e gli ospiti non riescono più a tenere il ritmoPer gli ultimi minuti coach Di Gregorio schiera in campo tutti gli under che fanno la loro parte fino alla fine chiudendo il match con il risultato finale di 86 a 60.

«Abbiamo disputato una partita molto attenta commenta a caldo coach Di Gregorio  concedendo qualcosa agli avversari che sono giocatori che hanno qualità sia fisiche che tecnicheTuttavia sono soddisfatto della prestazione dei miei giocatori che oggi sono entrati in campo con unaltra faccia rispetto a quella con cui sono entrati a Catania e questo ci ha permesso di giocare con maggiore lucidità.Continueremo ad allenarci sodo perché il campionato ancora è lungo».

Articoli