Nel corso del Fashion show organizzato da Maria Christina Rigano, Consigliere dall’Istituto Culturale Italo Libanese in occasione di Altaroma, sfila il fascino insolito e il gusto ricercato delle creazioni couture di A’biddikkia, Baroqco Jewelry, Marcela de Cala, Missaki Couture e Natasha Pavluchenko. La sfilata è stata un suggestivo viaggio tra i paesi e le culture del mondo, incantando tutti i presenti. I designers internazionali hanno portato in passerella le loro creazioni couture, unite dal fil rouge della bellezza mistica, che non conosce confini geografici o culturali.

Ad aprire lo spettacolo, il tributo alla città di Tursi-Matera e a Maria di Anglona, omaggiati dalla designer Polacca Natasha Pavluchenko con la collezione intitolata “Maria Anglona”, che testimonia l’influenza della storia sulla moda. Natasha Pavluchenko, colpita dalla bellezza della Vergine di Anglona, dalla città di Tursi e dal suo al centro storico, crea 15 progetti ispirati alla “Pala dell’Altare Maggiore” risalente al 1700 e posta oggi di fianco della Vergine. Ospite alla sfilata una delegazione proveniente dalla Basilicata formata da stampa e personalità di spicco. A’biddikkia di Giovanna Mandarano conferma l’identità del Brand, sempre legato al gusto mediterraneo ed influenzato dalla sua Panarea. La collezione couture intitolata “La Rinascita della Moda” presenta un susseguirsi di 12 abiti dalle tinte decise che spaziano dal rosso, al verde, al viola ricordando l’arcobaleno. Tagli sinuosi, dettagli barocchi e un mix di tessuti pregiati esaltano la silhouette femminile, come quella della modella d’eccezione e Testimonial del Brand Veera Kinnunem. Tessuti e manifattura di alta qualità, tutto made in Italy.

Missaki Couture fa sognare le odalische con “Cyra”. La Grecia,la sua bellezza, i suoi colori diventano fonte di ispirazione per il designer libanese. Venti  abiti da sera dai colori pastello si alternano all’immancabile nero. Stili e ricami disegnano una silhouette regale e trasmettono una forte propensione al dettaglio, visibile anche nell’abito da sposa che con il suo ingresso conclude la sfilata. Gioielli celestiali della collezione di Baroqco “Stairways to Heaven” elevano l’anima della donna che li indossa. Dieci parure principesche sfilano insieme agli abiti neo-couture di Natasha Pavluchenko conferiscono un’aura moderna e disinvolta a corone e gioielli scultorei. Gioielli unici, fatti a mano e realizzati appositamente per la sfilata. Realizzata in metalli pregiati placcati in oro 24 carati, decorati e abbelliti con elementi in Swarovski e di pietre semi preziose che provengono dall’Indonesia e dal Brasile.

In gran finale la “Vieira” di Marcela de Cala, ispirata ai miti e alle storie della famosa Vieira di Santiago de Compostela. Si racconta che la Vieira fosse una metafora per aiutare le persone a trovare la giusta strada da seguire. Marcela de Cala presenta una collezione di 20 abiti da sposa  perfetti per le donne che vogliono brillare nel giorno più importante della propria vita senza rinunciare all’eleganza. La collezione “Vieira” è ricca di sfumature, di ricami bianchi intrecciati, di perline, paillettes, tulle, pizzo ed inserti di ogni tipo uniti ad una stratificazione ingegnosa e romantica. Il make-up delle modelle è stato curato dal MUA Pablo, e dal suo staff. L’hair style è stato affidato a Professional Sebastian sotto la direzione dell’art director Giovanni Salerno. Le calzature Rugantino, invece, sono state fornite da Alessi & Alessi. Casting e Production Management a cura di Eleonora Eutizi.

Ad ammirare le creazioni in passerella, un fitto parterre di nomi noti, con personalità istituzionali, del mondo della moda e dello spettacolo. Tra loro, le loro Eccellenze Ambasciatori dei paesi partecipanti a International Couture, la Principessa Rita Boncompagni Ludovisi, il Prof. Dott. Giuseppe Anelli Presidente fondazione Sapentia Mundi, l’Ing. Antonello De Santis Presidente Rete Jonica Turismo, il dott. Giovanni Oliva Segretario Generale Fondazione Matera 2019, il Sindaco di Tursi il Prof. Salvatore Cosma, il Vicesindaco Maria Anglona Adduci e l’Assessore Roberto Trani, il Prof. Dott. Mangialardi, Enzo Merli AD di Fustenberg, le attrici Cristina Pelliccia, Anna Bellato Teresa Romagnoli, Esther Elisha, l’attore Josafat Vagni, il modello Matteo Begni, il presentatore Anthony Peth, l’Artista Ilian Rachov e molti altri.

Eleonora Orfanò

Eleonora Orfanò

Laureata nel 2016 presso l’Accademia di Belle Arti di Catania in Comunicazione e Valorizzazione del patrimonio artistico contemporaneo, partecipo parallelamente a corsi e workshop inerenti il settore artistico-culturale. Ad oggi frequento il corso di laurea magistrale in Storia dell’arte e beni culturali, presso l’Università degli Studi di Catania continuando a coltivare i miei svariati interessi.

Visualizza tutti gli articoli

Articoli