Emergenza Covid, fase due. Si parla del 18 maggio, ma è certo che molte attività commerciali ancora chiuse, quando ripartiranno, dovranno rispettare diverse indicazioni di sicurezza, dilazionando l’accesso dei clienti. C’è dunque il rischio di file fuori dai negozi o la necessità di organizzare gli appuntamenti, cosa che di fatto potrebbe intasare i recapiti telefonici degli esercenti. Pensiamo a parrucchieri, estetica, abbigliamento, beni della persona, arredamento, articoli da regalo… Come fare per evitare che la riapertura porti ad attese infinite per il cliente o al congestionamento dell’attività per l’esercente?
Una soluzione interessante sembra quella proposta dal progetto “Clicca e vai” che vorrebbe fornire alle attività commerciali un’applicazione propedeutica alla situazione, per gestire le code e ottimizzare i tempi. Il progetto prevede che ogni attività commerciale possa disporre di una propria pagina, totalmente personalizzabile, da linkare ai propri clienti, indicandola come soluzione principale per prenotarsi ed evitare code e attese. Il cliente potrà prenotare il proprio appuntamento – visualizzando gli orari disponibili in una determinata giornata – ricevendo un codice che dovrà mostrare all’ingresso del negozio per accedere.

In questo modo si eviteranno code e ci sarà un ingresso organizzato, rispettando gli slot orari disponibili. L’attività commerciale potrà gestire, in totale autonomia, gli slot orari, personalizzando il numero medio di persone che può accogliere in un determinato frangente di tempo. In questa fase che precede l’apertura di molte attività commerciali è possibile scoprire meglio il progetto e avviare un primo contatto per richiedere informazioni, basta andare su cliccaevai.it.

A cura dell’ufficio commerciale

Articoli