L’attuale crisi, non solo sanitaria, ma anche economica e sociale, ha coinvolto l’università, i suoi studenti e le loro famiglie. Gli Atenei, centri culturali e formativi dei nostri territori, rischiano a causa dell’emergenza Covid-19 una forte diminuzione degli iscritti e di abbandono degli studi. Per questo l’associazione universitaria YOUSU, attraverso i portavoci Andrea Nicolosi, Biagio Gravina e tutti i ragazzi, al fine di tutelare il diritto allo studio e il futuro del nostro Paese, propone di aumentare le iscrizioni ed estendere la “no tax area” – misura già istituita nel 2016 su tutto il territorio nazionale con la soglia ISEE per accedervi di 13.000 euro e in alcuni Atenei oltre i 20.000 euro – fondamentale per raggiungere questo fine, eliminando eventuali disuguaglianze tra le singole università.

“Auspichiamo che questa misura sia varata” dichiara Gravina, “e che diventi realtà non solo in fase emergenziale, in quanto garantirà un significativo innalzamento della quota studenti in grado di accedere alla formazione universitaria”.

Articoli