Sport & Motorsport

Rally del Bardolino: Vittoria di Luca Pedersoli. Il nostro racconto

Al 1°Rally del Bardolino, seguito dalla nostra testata che ha ottenuto l’accredito, vince Luca Pedersoli (alla prima sulla Polo r5) navigato da Anna Tomasi. Secondo posto per Luca Tosini e Roberto Peroglio (Skoda Fabia R5) e terzo posto per Michele Griso e Elia De Guio (Ford Fiesta R5). La gara, organizzata dal Rally Club Bardolino in collaborazione con il Prealpi Master Show, aveva 3 validità: Nazionale, Historic e Classic. Ha avuto la sua base nella frazione di Bran, nel comune di Caprino Veronese, dove c’è stata la partenza ed era ubicato il parco assistenza, mentre l’arrivo è stato proprio a Bardolino.

Otto le prove speciali in programma, per un totale di 51km di tratti cronometrati, eccezione fatta per la gara di Regolarità che percorreva solamente 42km saltando l’ultimo giro di prove. Luca Pedersoli, sin dalla prima prova speciale ha imposto il suo ritmo vincendo quasi tutte le prove, alzando il piede soltanto nell’ultima prova la quale è stata vinta da Michele Griso. Tornando alla classifica finale, quarti assoluti e primo equipaggio di casa al traguardo Federico Bottoni e Sofia Peruzzi su Skoda Fabia R5, autori di un’ottima rimonta dopo qualche problema nella prova speciale numero due.Quinta piazza per lo svizzero Mike Coppens navigato dal francese Jerome Degout. Sesto uno dei favoriti della vigilia, il trentino Giorgio De Tisi con alle note Fabio Turco. Settimo Adriano Lovisetto, navigato da Christian Cracco. Ottavo l’altro pilota di casa, Roberto Righetti, con al fianco Arianna Faustini, al via sempre con la sua fida Citroen DS3 R5. Chiudono i primi dieci un’altra coppia di Skoda Fabia R5, portate al traguardo rispettivamente da Andrea Zenoni con Manuel Ferrarin noni assoluti, seguiti al decimo posto da Michele Degani e Daniele Marai.

Primi tra le due ruote motrici e dodicesimi assoluti Marco Gianesini navigato da Marco Bergonzi su Renault Clio. Per quanto riguarda la gara Historic, invece, ad imporsi è stato Giovanni Costenaro con alle note Matteo Gambasin con la sua Ford Sierra Cosworth: vincitore di 5 prove speciali sulle 7 in programma – la PS 3 è stata annullata nell’Historic per dell’olio perso da una vettura della gara moderna. Secondo assoluto Massimo Zanin navigato da Cristiano Rosina al via con una BMW M3, l’unico che in due prove speciali ha fermato il cronometro prima di Costenaro.

Terzo “Raffa” con la sua BMW M3 e navigato da Pierino Leso, anche se nell’ultima parte di gara ha dovuto affrontarla con un problema al cambio. Buoni quarti assoluti Matteo Luise e Melissa Ferro con la Fiat Ritmo 130 Abarth, prima trazione anteriore al traguardo. Con la prima Porsche 911 SC al traguardo e quinti assoluti Massimo Archetti Voltolini con al fianco Giuseppe Morelli.

Tra i ritiri eccellenti della gara da segnalare quello di Patuzzo-Martini, attesi con la loro Toyota Celica ma stoppati per noie meccaniche, e quello di Bianco-Rutigliano per noie alla frizione alla loro Ford Sierra Cosworth. Nella gara di Regolarità Sport Classic, dove si va molto di precisione di tempi imposti, e dopo un’agguerrita battaglia ad imporsi sono stati Leonardo Fabbri navigato da Adria Tomas Sartore con la loro Volvo 144S del 1964.

Secondi Daniele Carcereri con al fianco Federico Danzi su Peugeot 205 GTI ed al terzo gradino del podio Angelo Tobia Seneci navigato da Elisabetta Russo.

All’interno della nostra pagina facebook trovate il video sintesi: https://www.facebook.com/97100rg/videos/74693001951890 mentre qui le foto in cui gli equipaggi potranno anche taggarsi: https://www.facebook.com/media/set/?vanity=motors.annacati&set=a.137797018251885

Ringraziamo ancora una volta gli organizzatori per aver permesso ai nostri collaboratori di essere presenti e vivere una bella giornata di Motorsport!

Con la collaborazione di Asia Lepore