Sport & Motorsport

Street Workout a Marina di Ragusa. Dopo i vaccini, torna il fitness musicale su strada

Ritorna lo Street Workout: Marina di Ragusa ha vissuto domenica un evento dedicato al fitness su strada. L’iniziativa, organizzata da Street Workout Ragusa, si è svolta nelle strada della cittadina balneare, nella zona del Porto turistico, la “Rotonda”, piazza Duca degli Abruzzi, piazza Torre, piazza  Malta. L’evento è stato organizzato da Giovanni Corigliano, Ambassador di Street Workout Italia. Lo Street Workout è un’iniziativa di fitness musicale in outdoor, praticato fuori dalle palestre, nelle strade, nelle piazze, nei parchi, spesso nei luoghi turistici più belli. I partecipanti sono tutti dotati di cuffie wireless: questo permette a ciascuno di seguire il ritmo musicale e le istruzioni dei coach che indicano gli esercizi ed i movimenti specifici da seguire. Corigliano, insieme agli altri coach, ha guidato il gruppo di più di 100 partecipanti nelle diverse attività fisiche: Fitboxe, condotto da Salvatore Dipasquale e Luca Fichera, G.A.G.  con Biagio Canuto, H.I.I.T, con lo stesso Giovanni Corigliano, la Zumba tenuta dal team formato da  Andrea Cilio, Alassane Dieng (Alu), Gessica Rimmaudo e Lorella Scollo,infine Pilates, con la guida di Simonetta Di Vita.

È il primo evento in Italia dopo la fine delle restrizioni dovute al Covid-19. Ora che, grazie ai vaccini, si intravede la possibilità   di tornare alla vita normale, anche la grande macchina del walking e del fitness dinamico si è rimessa in moto. Lo sport all’aperto, praticato nel rispetto delle normative, garantisce la sicurezza. Lo sport lancia anche un messaggio positivo, di sano divertimento, contro ogni forma di violenza: Giovanni Corigliano, il suo team e tutti i partecipanti lo hanno fatto nella tappa al porto di Marina di Ragusa, ricordando e condannando i recenti episodi di violenza che proprio lì si sono verificati così come a Comiso e a Scoglitti.

L’evento di Marina di Ragusa è stato dedicato a Simone Massaro, l’ideatore della formula italiana dello Street Workout,  con l’ invenzione delle cuffie e del loro utilizzo sia per la voce guida del coach, che per le informazioni turistiche e per l’accompagnamento musicale. Simone Massaro, con un passato da portiere nei campionati nazionali di calcio, è morto improvvisamente nel dicembre scorso. Giovanni Corigliano lo ha ricordato nei momenti che hanno preceduto la partenza, in piazza Malta.

“Simone Massaro era una persona semplice – ha detto Corigliano – molti lo definiscono un visionario perché ha intravisto questa disciplina ed ha cercato di portarla avanti. Io lo definisco un guerriero perché nonostante le difficoltà della vita è riuscito sempre a non arrendersi ed a portare avanti i suoi sogni. Quando ha scoperto la malattia, ha lottato fino alla fine, con grande forza. È indescrivibile ciò che ha fatto. Se tutti noi siamo qui in questo momento è grazie a lui. Se io ho potuto avviare questa iniziativa nella mia terra lo devo soprattutto a lui”. Un applauso ha suggellato le parole del coach, mentre alcuni giovani alzavano il dito verso il cielo quale segno tangibile di un evento dedicato a un giovane che ha lasciato una traccia indelebile.

Lo Street Workout è un’iniziativa dedicata al benessere fisico, ma è anche un momento di socializzazione e di divertimento per la grande carica emotiva legata ad un evento festoso di gruppo. Esso è anche momento di promozione artistica e culturale poiché spesso la carovana si ritrova nei centri storici, gli allenamenti si svolgono accanto a monumenti ed a grandi opere architettoniche del passato. “Tutto questo – aggiunge Corigliano – ci permette di vivere un’iniziativa che è anche cultura, turismo e promozione del territorio – vogliamo star bene e vivere momenti di serenità e giovialità insieme agli altri. Lo Street Workout è anche gioia, momenti sereni che danno una grande carica a tutti noi e ci permettono di fare qualcosa per il nostro territorio, di far conoscere le bellezze incomparabili di questo lembo della Sicilia, il nostro mare, le nostre spiagge assolate, ma anche gli splendidi monumenti del barocco siciliano. Ora che, grazie ai vaccini, il peggio sembra essere alle spalle, ritorneremo nelle strade e organizzeremo altri momenti come questo nelle varie città”.