Arte & Cultura

Il Val di Noto “scopre” le sue meraviglie al Mondo : 25 “grandi viaggiatori” in giro tra le città Unesco

Al via l’Educational Tour nelle 13 città Unesco del Val di Noto organizzato dal Distretto Turistico del Sud Est e che coinvolge 25 tra i più importanti tour operator, travel blogger e influencer del settore turismo. E’ stato presentato lunedì sera al Teatro Massimo Bellini, durante una conferenza moderata dal giornalista Salvo La Rosa ed impreziosita dalle splendide esibizioni del soprano Daniela Schillaci, accompagnata al pianoforte dal maestro Gaetano Costa.
Sul palco, a presentare l’iniziativa che rappresenta l’atto conclusivo della programmazione relativa alla Legge 77/2006 sui Siti Unesco, Barbara Mirabella, assessore ai Beni Culturali del Comune di Catania, e Corrado Bonfanti, Presidente del Distretto Turistico del Sud Est. Con loro anche Giovanni Cultrera, Sovrintendente del Teatro Massimo Bellini che ha aperto le sue porte al primo importante appuntamento di questa lunga settimana. In platea anche i sindaci e i loro delegati delle 13 città coinvolte nel tour, insieme con i 25 “grandi viaggiatori” che arrivano da Paesi Esteri come Giappone, Canada, Svizzera, Olanda, Spagna e Brasile, ma anche da tante regioni dell’Italia.
Per l’assessore Mirabella, che ha portato i saluti del sindaco di Catania Salvo Pogliese impegnato a Misterbianco in una fiaccolata in memoria di una donna vittima di femminicidio, è un importante passo verso il ritorno alla normalità. “La nostra è una terra di assoluta bellezza – ha detto – e la ricchezza di questo Distretto è fatta dai suoi colori, profumi e paesaggi. E’ un momento molto importante, confermato dai dati sul turismo che mi sento di annunciare in anteprima: siamo oltre i livelli del 2019, non solo l’ultimo anno prima della pandemia, ma anche l’anno in cui si è registrata la miglior percentuale di turisti negli ultimi 6 anni”.
Per il Presidente del Distretto Corrado Bonfanti, invece, prosegue il progetto unitario, di visione e cammino, di un territorio unico come il Val di Noto. “L’idea è quella di raccontare la storia della nostra terra – ha detto – ed esprimere nella massima potenza possibile anche il senso e lo spirito di accoglienza delle nostre comunità, che finalmente parlano lo stesso linguaggio e hanno a cuore un unico progetto. Il punto di forza, oggi più che mai strategico, è emozionare, lasciare una traccia sensazionale”.
Chiusa la presentazione dell’iniziativa, ospiti dell’Educational Tour e ospiti istituzionali si sono spostati a Palazzo degli Elefanti per l’accoglienza istituzionale del sindaco Pogliese e lo show cooking dello chef Seby Sorbello con la sua “Norma”.
Già da martedi le prime tappe: in mattinata l’Educational Tour ha permesso agli ospiti di completare la visita a Catania, portandoli poi alla scoperta di Sortino, Ferla e Cassaro, mentre domani è prevista la passeggiata in centro a Siracusa, per poi spostarsi a Noto e proseguire verso Modica. Giovedì è il giorno dedicato alla scoperta di Scicli e Ragusa Ibla, con trasferimento in serata a Palazzolo Acreide, città che sarà visitata venerdì mattina. Sempre venerdì le tappe di Militello in Val di Catania e Caltagirone, con sabato e domenica, poi, dedicati a Piazza Armerina. Nelle varie città, protagoniste le bellezze architettoniche e naturali, ma anche quelle relative all’enogastronomia, alla cultura e dall’arte.
Sono 4 i settori turistici selezionati: quello strettamente culturale, quello cicloturistico, quello legato al brand Unesco di matrice orientale e quello crocieristico. A questi si aggiunge anche il nuovo progetto relativo al Cammino di Sicilia, che ripercorre l’operazione Husky del 1943, quella che portò allo sbarco degli Alleati sulle coste della Sicilia orientale.