Seconda vittoria consecutiva per la Passalacqua Ragusa, che dopo il successo di Broni passa facilmente al Palaminardi contro una Costa Masnaga che fa quello che può ma che si deve arrendere ben presto ad una Ragusa apparsa troppo distante fisicamente e tecnicamente rispetto alla giovane e volenterosa formazione lombarda, che schierava la baby prodigio Matilde Villa, classe 2004, che anche contro le ragusane ha fatto vedere alcuni dei suoi colpi che confermano, qualora ce ne fosse ancora bisogno, tutto il suo potenziale. La Passalacqua, che vedeva l’esordio di Isabelle Harrison (fuori dal trio delle straniere Ivana Tikvic, assenti per infortunio Nicolodi e la lungodegente Kacerik), parte subito bene andando a segno proprio con la nuova americana, quanto mai smaniosa, anche se ancora non al 100%, di aiutare le proprie compagne. Villa e compagne cercano di restare in scia, ma la formazione iblea corre, diverte e si diverte e nel corso della partita arriva anche sul +20, prima che le avversarie riescano a riportarsi sul -9 nell’ultima frazione. Ma la partita è sempre in controllo e alla fine il punteggio finale dice 91-69, dopo i parziali di 28-14 al 10’; 49-32 al 20’ e 69-55 al 30’ (In doppia cifra Harrison 24, Romeo 20, Santucci e Tagliamento 12). E proprio di Harrison comincia a parlare coach Gianni Recupido: “Non è ancora recuperata al 100% ma la sua presenza aiuta moltissimo ed è abbastanza evidente che il suo apporto sia super positivo. Purtroppo è un periodo molto complicato a livello di gestione, perché le partite bisogna vincerle e si fa di tutto per vincerle, ma è chiaro che siamo in una situazione strana perché ci ritroviamo a giocare ogni tre giorni dopo avere avuto una pausa di sei settimane, e  non credo che sia mai successa una cosa così: è preoccupante anche dal punto di vista dei possibili infortuni. Ma la situazione è questa, chiedo e trovo disponibilità nelle ragazze di migliorare proprio giocando. Per quanto riguarda la partita, molto bene ma sul finale potevamo evitare di farle riavvicinare e mercoledì dovremo essere bravi a non commettere questo tipo di errore. Matilde Villa? E’ bravissima, ha grande talento ed è gestita molto bene dal suo allenatore che è molto bravo in questo. E devo dire che anche per noi, il preparare la partita dedicando tanta attenzione ad una 2004 è stato qualcosa di bello e che fa ben sperare per il basket italiano”.
Mercoledì alle ore 17, la Passalacqua tornerà in campo in casa per il recupero del match con Vigarano.

Articoli